lingue, popoli, culture

HomeRivistaPresentazione, Copyright e Codice etico

Presentazione e Copyright

Presentazione

ETHNORÊMA
Lingue, popoli e culture

Rivista annuale dell’Associazione Ethnorêma

ISSN 1826-8803

Periodico registrato presso il Tribunale di Tortona (AL), Autorizzazione 1/05 del 28/10/2005

Direttore responsabile: Moreno Vergari

Comitato di redazione: Danilo Faudella, Paola Giorgi, Marco Librè, Barbara Rolleri, Moreno Vergari, Roberta Zago.

Comitato scientifico:H Giorgio Banti (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”), Flavia Cuturi (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”), Silvia Dal Negro (Libera Università di Bolzano), Gianni Dore (Università di Venezia “Ca’ Foscari”), Aaron Hornkohl (University of Cambridge), Ilaria Micheli (Università degli Studi di Trieste), Gianfrancesco Lusini (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”), Brian Migliazza (SIL International), Anna Maria Paini (Università di Verona), Antonia Soriente (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”), Rainer Voigt (Freie Universität Berlin), Massimo Zaccaria (Università degli Studi di Pavia).

Peer-reviewed journal ("double blind" method).

Valutazione ANVUR: Classe A per l'Area 14/B2 (Scienze Politiche e Sociali - Storia delle relazioni internazionali, delle società e delle istituzioni extraeuropee)* - Rivista scientifica per l'Area 10 (Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche) e per l'Area 11 (Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche) 


OPEN ACCESS POLICY & COPYRIGHT: 

Gli autori dei manoscritti accettati per la pubblicazione concedono il diritto di pubblicare il loro testo elettronicamente e archiviarlo rendendolo consultabile in permanenza. Il copyright rimane agli autori, che possono ripubblicare i propri articoli online, citando la fonte. Agli autori non sono richiesti contributi per la pubblicazione degli articoli.

Gli utenti hanno il diritto di leggere, scaricare, copiare, distribuire, stampare o effettuare dei link ai testi completi degli articoli.

Authors of manuscripts accepted for publication assign to the editors the right to publish their text electronically and to archive and make it permanently retrievable. Copyright remains with the authors, who can post their articles online, citing the source. No fees are charged for submitting or processing of any article.

The users have the right to read, download, copy, distribute, print, search or link to the full texts of the articles.

Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia.

This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License.


CODICE ETICO / CODE OF ETHICS

Ethnorêma è la rivista scientifica peer-reviewed dell’Associazione di Volontariato Ethnorêma. L’Associazione Ethnorêma e tutti gli organi della rivista (Autori, Direttore, Comitato di redazione, Comitato scientifico e Revisori) si impegnano a rispettare e a difendere gli standard etici in tutte le fasi del processo di pubblicazione, ispirandosi al codice etico delle pubblicazioni elaborato dal COPE, Committee on Publication Ethics, Best Practice Guidelines for Journal Editors (revisione 7 marzo 2011). (https://publicationethics.org/files/Code_of_conduct_for_journal_editors_Mar11.pdf). Si rimanda a tale fonte per un approfondimento delle direttive etiche.

1. Doveri del Direttore responsabile e del Comitato di redazione

1.1. Il Direttore e il Comitato di redazione sono responsabili per i contenuti pubblicati nella rivista. Dovranno inoltre garantire l’integrità dei lavori pubblicati e impegnarsi al continuo miglioramento della qualità della rivista.

1.2 Il Direttore, coadiuvato dal Comitato di redazione, decide riguardo l’accettazione o il rifiuto di un manoscritto. Il criterio di accettazione o rifiuto sarà basato su rilevanza, originalità, chiarezza e sull’adesione o meno alla linea editoriale della rivista. 

1.3 Ethnorêma adotta un processo di revisione double blind (doppio cieco), assicurando revisioni anonime da parte di revisori qualificati e non in conflitto di interesse con gli autori. Il Direttore e il Comitato di redazione vigileranno affinché sia garantita la riservatezza dell’identità degli autori, dei revisori e dei manoshcritti presentati, e che la documentazione riguardo il processo di revisione sia opportunamente conservata.

1.4 Il Direttore e il Comitato di redazione dovranno assicurare che nessuna discriminazione potrà essere fatta in base al sesso, al credo religioso o politico, all’etnia, alla provenienza geografica, ecc. degli autori dei manoscritti ricevuti da Ethnorêma.

2. Doveri degli Autori

2.1 Gli autori dovranno garantire l’originalità dei propri manoscritti, che il loro lavoro non sia stato copiato, nemmeno parzialmente, da lavori altrui, che non sia stato precedentemente pubblicato in altre riviste o inviato contemporaneamente a altre riviste in vista della pubblicazione. Ethnorêma si riserva il diritto di verificare che gli autori non abbiano violato tali indicazioni.

2.2 Gli autori dovranno garantire puntualità nella consegna dei manoscritti, attendendosi alle norme redazionali, entro i tempi stabiliti. Dovranno inoltre provvedere a una sollecita revisione degli stessi qualora ci fosse tale necessità, secondo le indicazioni dei revisori. Spetterà al Direttore responsabile, dopo specifica richiesta da parte degli autori, di valutare se concedere eventualmente un tempo più lungo agli autori, sia per la consegna dei manoscritti che per la loro revisione.

2.3 Qualora gli autori dovessero scoprire degli errori nell’articolo pubblicato, sarà loro cura informare in tempi strettissimi il Direttore, concordando con esso la correzione o il ritiro dell’articolo. Qualora l’errore venisse evidenziato da altri, il Direttore chiederà all’autore di scrivere una ritrattazione sul numero successivo della rivista e/o sul sito in cui l’articolo è pubblicato.

3. Doveri dei Revisori

3.1 I Revisori si impegneranno affinché ogni manoscritto sia valutato in maniera oggettiva e imparziale, priva di ogni forma di pregiudizio, evitando ogni forma di attacco personale verso l’autore.

3.2 I Revisori dovranno rifiutare di revisionare i manoscritti qualora si trovassero in chiaro conflitto di interesse o di competizione con le persone o le istituzioni collegate ai manoscritti. Allo stesso modo non potranno procedere alla revisione se avessero già personalmente fornito agli autori dei commenti sui manoscritti o su loro versioni precedenti. 

3.3 I Revisori dovranno garantire che le revisioni verranno consegnate entro i tempi stabiliti o avvisare tempestivamente il Direttore se questo non fosse possibile. In tal caso il Direttore si riserverà il diritto di passare ad altri la revisione del manoscritto.

3.4 I Revisori dovranno garantire l’assolutezza riservatezza dei manoscritti e delle informazioni in essi contenute, non discutendone con altri se non con il Direttore e il Comitato di redazione.

4. Doveri del Comitato scientifico

4.1 Il Comitato scientifico, composto da esperti qualificati sia nazionali che internazionali, vigilerà affinché il carattere e l’originalità dei contenuti della rivista siano conformi agli standard scientifici internazionali.

4.2 I membri del Comitato scientifico potranno svolgere anche funzione di Revisori, secondo i criteri espressi al punto 3 e relativi sottopunti. Sarà premura del Comitato scientifico di collaborare con il Direttore per l’identificazione di altri Revisori qualificati.

4.3 Il Comitato scientifico si impegna a promuovere e diffondere la rivista, cercando e proponendo nuovi autori qualificati affinché sottopongano i loro manoscritti a Ethnorêma.

 

Ethnorêma is the peer-reviewed scientific journal of the EthnorêmaVolunteer Association.The Ethnorêma Association and all the organs of the magazine (Authors, Director, Editorial Committee, Scientific Committee and Reviewers) undertake to respect and defend ethical standards at all stages of the publication process, drawing on the ethical code of the publications prepared by the COPE, Committee on Publication Ethics, Best Practice Guidelines for Journal Editors (revision 7 March 2011).(https://publicationethics.org/files/Code_of_conduct_for_journal_editors_Mar11.pdf). Please refer to this source for the ethical guidelines. 

1. Duties of the Responsible Director and the Editorial Committee

1.1. The Director and the Editorial Committee are responsible for the content published in the journal. They will also have to guarantee the integrity of the published works and undertake to continuously improve the quality of the journal. 

1.2 The Director, assisted by the Editorial Committee, decides on the acceptance or rejection of a manuscript. The criterion of acceptance or rejection will be based on relevance, originality, clarity and on the adhesion or not to the editorial line of the magazine. 

1.3 Ethnorêma adopts a double blind review process, ensuring anonymous reviews by qualified reviewers and not in conflict of interest with the authors. The Director and the Editorial Committee will ensure that the identity of the authors, reviewers and submitted manuscripts is kept confidential, and that the documentation regarding the review process is properly maintained. 

1.4 The Director and the Editorial Committee must ensure that no discrimination can be made based on gender, religious or political beliefs, ethnicity, geographical origin, etc. of the authors of the manuscripts received by Ethnorêma.

2. Duties of the Authors 

2.1 The authors must guarantee the originality of their manuscripts, that their work has not been copied, not even partially, from the works of others, that it has not previously been published in other magazines or sent simultaneously to other magazines for publication. Ethnorêmareserves the right to verify that the authors have not violated these indications. 

2.2 The authors must guarantee punctuality in the delivery of the manuscripts, expecting the editorial norms, within the established times. They will also have to provide for a prompt review of the same if there is such a need, according to the indications of the reviewers. It will be up to the responsible Director, after a specific request by the authors, to evaluate whether to grant a longer time to the authors, both for the delivery of the manuscripts and for their revision. 

2.3 Should the authors discover errors in the published article, they will be responsible for informing the Director in a very short time, agreeing with it the correction or withdrawal of the article. If the error is highlighted by others, the Director will ask the author to write a retraction on the next issue of the magazine and / or on the website where the article is published.

3. Duties of the Reviewers

3.1 The Reviewers will undertake to ensure that each manuscript is evaluated in an objective and impartial manner, without any form of prejudice, avoiding any form of personal attack against the author. 

3.2 The Reviewers will have to refuse to revise the manuscripts if they find themselves in clear conflict of interest or competition with the people or institutions connected to the manuscripts. Likewise, they will not be able to proceed with the revision if they had already personally provided the authors with comments on the manuscripts or on their previous versions. 

3.3 The Reviewers must guarantee that the revisions will be delivered within the established times or promptly notify the Director if this is not possible. In this case, the Director reserves the right to pass the revision of the manuscript to others. 

3.4 The Reviewers shall guarantee the absolute confidentiality of the manuscripts and information contained therein, not discussing them with others except with the Director and the Editorial Committee.

4. Duties of the Scientific Committee

4.1 The Scientific Committee, composed of qualified experts, both national and international, will ensure that the character and originality of the contents of the journal conform to international scientific standards.

4.2 The members of the Scientific Committee may also act as reviewers, according to the criteria expressed in point 3 and the relevant sub-points. The Scientific Committee will collaborate with the Director to identify other qualified reviewers.

4.3 The Scientific Committee undertakes to promote and disseminate the journal, seeking and proposing new qualified authors to submit their manuscripts to Ethnorêma.


INDICIZZAZIONI

              

               

              

 

SCOPO

La scrittura è senz’altro una delle forme più importanti di comunicazione. Lo scritto rimane, dicevano i latini. Ma quando nasce la scrittura? Per quale motivo? Non lo sappiamo con esattezza e varie sono le ipotesi, destinate a rimanere tali. Possiamo però guardarci indietro, e scoprire che ci viene detto quando sarebbe nato il segno, inteso come elemento portatore di messaggio. La storia è quella biblica di Caino e Abele. Caino uccide suo fratello Abele e Dio lo condanna a vagabondare per una terra che gridava per il sangue innocente che aveva dovuto accogliere. Caino ritiene la condanna troppo dura ed è spaventato dall’idea che chiunque lo incontri lo possa a sua volta uccidere. Allora “il Signore mise un segno (’ot in ebraico, semeion in greco) su Caino, perché nessuno, trovandolo, lo uccidesse” (Genesi 4:15). Il primo segno della storia avrebbe quindi portato un messaggio a tutti i popoli, invitandoli a non fare le proprie vendette, a non alzare le mani su un altro uomo, nemmeno su un assassino.
Non sappiamo cosa fosse quel segno. Una scritta? Un disegno? Poco importa. Quello che conta è che era chiaro a tutti e che indicava una parola o un oggetto (un rhêma) che serviva da messaggio per il popolo (l’ethnos).
A questo dovrebbe servire la comunicazione, in ogni sua espressione, a diventare un mezzo di relazione positiva tra gli uomini. Anche un mezzo di riflessione che produce un’azione. Purtroppo sappiamo che spesso così non è, perché non si è capito e seguito il modello e il significato di quel primo segno.
Noi vorremmo, attraverso gli articoli di questa rivista, conoscere un po’ di quello che è espressione dei popoli, per cercare di capire. Sia che si tratti di un aspetto linguistico, di una tradizione popolare, di una pagina di storia o quant’altro. Vorremmo quindi che chi scrive non abbia solo conoscenze tecniche, ma anche occhi per vedere, orecchi per sentire e voglia di imparare dall’altro, per poi trasmettere quanto appreso.
La rivista vuole essere solo uno degli aspetti dell’opera di Ethnorêma, che è principalmente la promozione culturale. Vari di noi lavorano spesso ‘sul campo’, vagabondando tra lingue, popoli e culture. Molti si legano alle situazioni e ne nascono relazioni, affetti e azioni concrete.
Questo è lo scopo, il segno che vorremmo lasciare.

*  Le riviste di classe A sono quelle, dotate di ISSN, riconosciute come eccellenti a livello internazionale per il rigore delle procedure di revisione e per la diffusione, stima e impatto nelle comunità degli studiosi del settore, indicati anche dalla presenza delle riviste stesse nelle maggiori banche dati nazionali e internazionali.

Vai all'inizio della pagina